Allarme antibiotici: Italia terza in Europa per il consumo


antibioticiPer il popolo del tricolore pare che gli antibiotici siano il rimedio migliore per ogni male. In caso di febbre, di tosse acuta, di normale influenza, gli italiani ricorrono agli antibiotici. Siamo il terzo paese in Europa con il più alto consumo di antibiotici, dopo Francia e Cipro. I dati emergono dal Rapporto Osmed sugli antibiotici, curato dall’Agenzia italiana del farmaco, Aifa, e illustrato in occasione della presentazione al ministero della Salute della campagna Antibiotici? Usali con cautela. Nel 2008, infatti, in Italia il 44% della popolazione ha ricevuto almeno una prescrizione di antibiotico, con un maggior impiego in età pediatrica e tra gli anziani.

[ad]

Nel 2008, in particolare, 53 bambini su 100 e 50 anziani su 100 hanno ricevuto almeno una prescrizione antibiotica. Il 90% del consumo tottale di antibiotici è costituito da penicilline, macrolidi e cefalosporine, con marcate differenze regionali: il boom di consumo si registra al sud con in testa Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Molise, Abruzzo, Lazio e Umbria.

Forse, gli italiani vivono nella convinzione che un carico di antibiotici per il loro corpo sia il rimedio più giusto per risolvere ogni malore. Non è così. Cari italiani, è arrivato il momento di attivarvi in una autoresistenza da antibiotici, un allarme che ci mette in comune con altri paesi europei.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.