Presto una nuova cura per combattere il melanoma

melanoma napoli

Il melanoma è un tipo di tumore della pelle che in Italia nel solo 2015 ha fatto registrare oltre 11 mila casi, ed alla luce di questi dati allarmanti, l’Istituto Pascale di Napoli ha condotto uno studio internazionale su una molecola immuno-oncologica dal nome nivolumab.

Secondo i dati riportati dallo studio condotto circa il 70% dei pazienti trattati con nivolumab è vivo ad un anno dall’utilizzo, mentre oltre il 57% dei pazienti è sopravvissuto al secondo anno di vita. I dati forniti dalla ricerca, indicano che questo tipo di terapia ha una sua durata nel tempo ed in base alle percentuali ottenute si potrebbe ipotizzare che circa il 40% dei pazienti colpiti dal melanoma possa cronicizzare la malattia.  

I dati dello studio saranno presentati alla sesta edizione del Melanoma Bridge, convegno internazionale organizzato dal Pascale che il 5 dicembre vedrà oltre 200 esperti discutere su questo argomento. Il risultato raggiunto dalla ricerca è davvero sensazionale specialmente se si pensa che prima dell’arrivo di questa nuova terapia la sopravvivenza per i malati era di circa 6 mesi, con un tasso di mortalità superiore al 75%.

Nivolumab nel luglio di questo anno è stato approvato dall’EMA per il trattamento del tumore al polmone, ed a settembre l’Aifa ha inserito il farmaco nella lista che permette di disporre del medicinale a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Per adesso l’utilizzo nel nostro Paese non è stato ancora approvato per questo motivo il Pascale e la comunità scientifica premono per un suo utilizzo immediato al fine di poter dare una speranza di vita a chi fino a qualche mese fa era destinato a morte certa.

Valeriano Attanasio
About Valeriano Attanasio 46 Articoli
Meridionale dalla nascita ed appassionato praticamente di tutto, tranne che di argomenti oggettivamente noiosi, credo molto nel potere della comunicazione e nell'importanza di saper trovare un argomento interessante quando la conversazione ristagna. Scrivo articoli web per numerose testate online così da tenermi sempre aggiornato e sviluppare una visione critica sul mondo che mi circonda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.