Secondo uno studio danese il cancro potrà essere sconfitto dalla malaria

cancro,malaria,cura

Un gruppo di scienziati e ricercatori dell’università di Copenaghen e della University of British Columbia per puro caso hanno scoperto una possibile terapia radicale per la cura del cancro, che possa debellarlo in modo definitivo. Secondo questa rivoluzionaria ricerca nove tipi di cancro su dieci possono essere sconfitti grazie al vaccino per la malaria usato sulle donne in gravidanza.

Sostanzialmente il carboidrato della placenta attaccato dal vaccino della malaria è lo stesso che si trova in alcune cellule tumorali che provocano il cancro, e proprio partendo da questo gli scienziati hanno pensato bene di rielaborare la proteina della malaria aggiungendo delle tossine. Gli esperimenti con questa rielaborazione della proteina hanno prodotto eccellenti risultati, infatti il 90% dei topi utilizzati come cavie è guarito completamente dal cancro.

Gli studiosi già da anni erano a conoscenza che vi fossero affinità biochimiche tra la placenta e le cellule tumorali, tuttavia non erano ancora riusciti a trovare un metodo che potesse soddisfare a pieno questa relazione. Naturalmente gli esperimenti sono solo all’inizio e gli studi da fare saranno ancora tanti, ma per adesso si tratta di una scoperta eccezionale, visto che il cancro è una malattia che non risparmia proprio nessuno dai più piccoli agli anziani. Potrebbe essere l’ennesima svolta epocale, un senso di ennesima evoluzione dell’uomo rispetto alla natura.

Un positivo passo avanti che potrebbe dar coraggio a milioni di persone che lottano contro questo male. Ci auspichiamo che gli studi possano dare i risultati sperati e che al più presto si possa trovare un modo per realizzare una “pillola della speranza” contro il cancro, una pillola che possa contribuire a migliorare le condizioni dei malati e curare uno dei mali del secolo.

Valeriano Attanasio
About Valeriano Attanasio 46 Articoli
Meridionale dalla nascita ed appassionato praticamente di tutto, tranne che di argomenti oggettivamente noiosi, credo molto nel potere della comunicazione e nell'importanza di saper trovare un argomento interessante quando la conversazione ristagna. Scrivo articoli web per numerose testate online così da tenermi sempre aggiornato e sviluppare una visione critica sul mondo che mi circonda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.